Dott. Alberto Castello
Dott. Alberto Castello

Disturbi psicosomatici

Sempre più spesso il termine “stress” è quotidianamente presente sulle labbra di tutti. Lo stress rappresenta un’esperienza che accompagna tutti gli esseri viventi lungo la loro esistenza, spesso segnandone le tappe più significative. Da tempo si conoscono i collegamenti tra il sistema psichico (inteso nel complesso dei processi cognitivi di cui il sistema nervoso centrale è parte costitutiva fondamentale) e quello fisico. Basti pensare all’ulcera come esempio sopra tutti, oppure al mal dil schiena come è stato mostrato da recenti ricerche, ai problemi di pelle, ai disturbi del sonno. Diventa evidente, quindi, come i processi psichici possono fungere da modulatore, esaltatore e depressore del sistema fisico. Ciò che è importante distinguere è quello che viene chiamato eustress dal distress. Il  primo infatti è quello considerato sano e utile al nostro organismo per la sopravvivenza mentre il secondo risulta essere quello pericoloso, ossia quella parte dello stress che può concorrere all’eziologia di un disturbo fisico.

Quando siamo sottoposti ad un distress vengono messe in atto strategie volte a modificare in positivo questa situazione potenzialmente pericolosa. Ciò accade nella migliore delle ipotesi perché nella peggiore di queste, non avendo il distress effetti immediati, si continua con soluzioni che sembrano contribuire al sollievo mentre invece servono solo a posticipare il problema e molto spesso anzi ne accelerano il processo. Altre volte, ed è il caso più frequente, sono già in presenza di un disturbo fisico o psicosomatico. In questo caso devo andare a rompere il circolo vizioso di tentate soluzioni disfunzionali, ossia quelle che hanno contribuito allo sviluppo del disturbo.

In questo modo oltre a migliorare dal punto di vista psicologico, cambiando prospettiva attraverso cui guardo il distress, imparo delle soluzioni più funzionali per affrontarlo nel futuro qualora dovesse ripresentarsi ed evitando così di contrarre ancora una volta lo stesso tipo di patologia cui ho sofferto in precedenza

Grazie alla ricerca empirica continuamente in evoluzione presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo e gli Studi affiliati, è possibile affermare che, negli ultimi vent’anni, la maggior parte dei casi di problemi somatopsichici è stato risolto in un numero molto ridotto di sedute.